I HAVE A DREAM

I HAVE A DREAM

Dio e’ potente a trasformare il sogno in realta’

Ogni uomo ha un sogno. ‘Io sono un sognatore pratico. I miei sogni non sono semplice fantasia vuota. Io voglio convertire i miei sogni in realta’. Cosi’ si espresse Mahatma Gandhi, l’emblema della non violenza nel XX secolo, candidato diverse volte al premio Nobel per la pace. ‘Ho un sogno’ disse un uomo verso la fine del 1800: ‘eliminare dalle case candele lumicini e costruire qualcosa di duraturo e permanente che illumini ogni stanza, ogni atrio, ogni casa’. Era Thomas Edison l’inventore della lampadina, che il 31 dicembre 1879 inauguro’ l’illuminazione ad incandescenza. Due fratelli avevano un sogno: far volare l’uomo con una macchina motorizzata piu’ pesante dell’aria con un pilota a bordo. Il 17 dicembre 1903 riuscirono a far alzare dal suolo il loro Flyer, in modo duraturo e controllato. Infine un altro uomo ebbe a dire: ‘Io ho un sogno’. In un mitico discorso, era il 28 Agosto 1963, disse: ‘Anche se dobbiamo affrontare le difficolta’ di oggi e di domani, io continuo ad avere un sogno. E’ un sogno che ha radici profonde nel sogno americano. Ho un sogno, che un giorno questa nazione sorgera’ e vivra’ il significato vero del suo credo: noi riteniamo che tutti gli uomini sono creati uguali’ Ho un sogno, che i miei quattro bambini neri un giorno vivranno in una nazione in cui non saranno giudicati per il colore della pelle, ma per l’essenza della loro personalita’. Ho un sogno, oggi. E quando questo avverra’, quando faremo riecheggiare la liberta’, quando la lasceremo riecheggiare da ogni villaggio e da ogni paese, da ogni stato e da ogni citta’, saremo riusciti ad avvicinare quel giorno in cui tutti i figli di Dio, neri e bianchi, ebrei e gentili, potranno prendersi per mano e cantare le parole dell’antico inno: ‘Liberi finalmente, liberi finalmente. Grazie a Dio Onnipotente, siamo liberi finalmente’. Questo e’ il mio sogno’. Era Martin Luter King.

IL SOGNO DI GIUSEPPE

Prima di loro c’era un giovane (ma del resto erano giovani anche Martin Luter King, i fratelli Write e Thomas Edison) che aveva un sogno: si chiamava Giuseppe. La Bibbia parla ampiamente di lui. Era l’ultimo figlio di Giacobbe: ‘Giuseppe fece un sogno e lo racconto’ ai suoi fratelli; allora questi lo odiarono piu’ che mai’ Egli fece ancora un altro sogno e lo racconto’ ai suoi fratelli, dicendo: ‘ Ho fatto un altro sogno!’ (Libro di Genesi 37:5,9). Uomini con dei sogni. Qual e’ il tuo’ Per alcuni il sogno e’ diventato incubo. Per altri e’ stato accantonato, o addirittura cestinato. Ci sono persone che non hanno piu’ sogni. Ci sono credenti che hanno smesso di sognare. Ci sono uomini di Dio, donne di Dio, che non hanno piu’ sogni e vivono una vita senza sogni. Ma cos’e’ una vita senza sogni’ Sognare e’ la cosa piu’ bella che l’uomo ha. Da sempre si sogna. Da piccoli si sogna di diventare un famoso calciatore, un medico, una persona affermata. La ragazzina sogna l’incontro con il principe azzurro, sogna le nozze con l’abito bianco. Poi, crescendo i sogni cambiano. Magari si sogna un lavoro, una casa, un matrimonio, dei figli e poi dei nipoti. La vita e’ fatta di sogni e la maggior parte di questi sono fatti ad occhi aperti. E tu’ Hai smesso di sognare’ Dio vuole dare un sogno anche a te. ‘Oh, avessi un po’ di pace! Oh, se a casa mia regnasse la serenita’! Oh, se i miei figli potessero gustare la grazia di Dio! Oh, se tra me e mia moglie tornasse il sereno!’. Come chiamarli questi, se non sogni’

IL SOGNO DEL PARALITICO

Nel Vangelo di Giovanni si legge che a Gerusalemme, presso la porta delle Pecore, c’e’ una vasca, chiamata in ebraico Betesda, che ha cinque portici. Sotto questi portici giaceva un gran numero d’infermi, di ciechi, di zoppi, di paralitici, i quali aspettavano l’agitarsi dell’acqua; perche’ un angelo scendeva nella vasca e metteva l’acqua in movimento; e il primo che vi scendeva dopo che l’acqua era stata agitata era guarito di qualunque malattia fosse colpito. La’ c’era un uomo che da trentotto anni era infermo. Gesu’, vedutolo che giaceva e sapendo che gia’ da lungo tempo stava cosi’, gli disse: ‘Vuoi guarire” L’infermo gli rispose: ‘Signore, io non ho nessuno che, quando l’acqua e’ mossa, mi metta nella vasca, e mentre ci vengo io, un altro vi scende prima di me’. Gesu’ gli disse: ‘Alzati, prendi il tuo lettuccio, e cammina’. In quell’istante quell’uomo fu guarito; e, preso il suo lettuccio, si mise a camminare’ (Vangelo di Giovanni 5:2-9). Forse anche la tua vita e’ paralizzata dal peccato, da legami, da vizi, da abitudini dalle quali non riesci a liberarti. Gesu’ e’ il tuo potente liberatore: ‘Non sono i sani che hanno bisogno del medico, bensi’ i malati. Io non sono venuto a chiamare dei giusti, ma dei peccatori a ravvedimento’ (Vangelo di Luca 5:31,32). Ecco che il sogno di liberazione, diventa realta’.

QUALCUNO CERCHERA’ DI UCCIDERE I TUOI SOGNI

Giuseppe ha dei sogni e li condivide con la famiglia, con i suoi fratelli. Ma questi vogliono uccidere i suoi sogni: ‘I fratelli lo videro da lontano e, prima che egli fosse vicino a loro, complottarono per ucciderlo. Dissero l’uno all’altro: ‘Ecco, il sognatore arriva! Forza, uccidiamolo e gettiamolo in una di queste cisterne; diremo poi che una bestia feroce l’ha divorato e vedremo che ne sara’ dei suoi sogni’ (Libro di Genesi 37:20) Forse anche nella tua vita c’e’ chi ha cercato di uccidere i tuoi sogni e forse c’e’ riuscito. Mahatma Gandhi fu ucciso il 30 gennaio 1948, a New Delhi, con tre colpi di pistola. Nel 1879 Edison inventa la lampadina, ma il suo assistente Jimmy Price, involontariamente, la distrugge. I fratelli Wrigt, prima di far volare il primo aereo, o comunque un prototipo di esso, lo videro schiantarsi. I loro detrattori dissero che una gallina saltava piu’ in alto del loro aereo. E riguardo a Martin Luther King, affacciatosi al balcone del suo albergo, fu raggiunto da un proiettile. Cercarono di uccidere i loro sogni, ma non ci riuscirono, anche se questi faticarono molto a diventare relata’. Se affidiamo i nostri sogni a Dio, Egli e’ potente a realizzarli.

IL SOGNO DIVENTA REALTA’

I sogni di Giuseppe divennero realta’. Divenne l’uomo piu’ potente in Egitto dopo il faraone e salvo’ la sua famiglia dalla carestia. Suo padre, Giacobbe, che non voleva andare in Egitto, ascolto’ queste parole da Dio: ‘Io sono Dio, il Dio di tuo padre. Non temere di scendere in Egitto, perche’ la’ ti faro’ diventare una grande nazione’ (Libro di Genesi 46:3).
C’e’ una frase che compare nella Bibbia, riguardo a Giuseppe:’Il Signore era con Giuseppe’ (Libro di Genesi 39:2). Il suo sogno divento’ realta’, perche’ il Signore era con lui. Quando l’uomo realizza di essere un peccatore e che questo peccato lo separa da Dio, gridando a Lui e chiedendo a Dio di perdonare i Suoi peccati, realizza quella che Gesu’ definisce ‘nuova nascita’. Egli e’ una nuova creatura; le cose vecchie sono passate e tutto diventa nuovo. La presenza di Dio diventa una costante nella sua vita. Caro amico, cara amica, metti la tua vita nelle mani del Signore. Dio ha un piano glorioso per la tua te: ‘Infatti io so i pensieri che medito per voi ‘, dice il Signore: ‘pensieri di pace e non di male, per darvi un avvenire e una speranza’ (Libro di Geremia 29:11). Ed ecco che cio’ che sogni, la pace nel cuore, l’unione nella famiglia, la serenita’ nell’affrontare le difficolta’, diventa realta’, perche’ Dio e’ potente a trasformare il sogno in realta’. by Domenico Modugno.
Chiese Cristiane Evangeliche – Assemblee di Dio in Italia
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...