CON GESU’ CE LA FAREMO

CON GESU’ CE LA FAREMO

Riscopriamo Cristo, e non saremo mai piu’ soli! Il progetto di Dio non contempla la solitudine.

La storia della nostra nazione e’ ricca di periodi bui e difficili, cui sono seguiti slanci
formidabili nei diversi comparti della vita quotidiana.
Dall’economia alla conquista della liberta’, quando ci siamo presentati uniti, abbiamo dato
vita al “miracolo italiano”, che a lungo ci e’ stato invidiato nel mondo.
Cosi’ piu’ volte siamo risorti dalle nostre stesse ceneri per riprendere un nuovo volo.
La fase attuale appare piu’ triste di molte altre.
Storicamente parlando non siamo un’Italia che cerca di uscire dai secoli bui del Medioevo
per rifiorire col Rinascimento e il successivo Illuminismo.
Ma spiritualmente e’ cosi’. Se un pittore dovesse immortalare il nostro tempo, difficilmente
ricorrerebbe a tinte tenui e delicate, ma farebbe un largo uso del nero e del viola.
Il ritratto sarebbe quello di tantissimi uomini, tra i quali abbondano conoscenza, cultura,
intelligenza, tecnologia, ma che sono fondamentalmente impauriti dalla mancanza di
certezze del domani.
E sono soprattutto soli. Divisi e quindi soli.
“L’un contro l’altro armati”, per dirla col Manzoni. Quale sara’ il rimedio? Sul piano del
lavoro, dell’economia, della finanza, non ci sono ricette semplici.
Sul piccolo schermo e ancor piu’ sulla Rete rimbalzano tantissimi frammentati progetti:
ognuno e’ di parte, nessuno di questi ha dimostrato di possedere le qualita’ per risolvere la
questione.
Che sia giunto il tempo di considerare che abbiamo un Dio sopra di noi? Chiediamo aiuto a
chiunque, ma lo abbiamo chiesto a Chi ha il bandolo della matassa e la capacita’ di
scioglierne i nodi?
Da queste colonne sorge un fortissimo grido di speranza: “Con Gesu’ ce la faremo!” Riscopriamo Cristo, e non saremo mai piu’ soli!
Il progetto di Dio non contempla la solitudine. Chi cammina da solo diventera’ presto preda
dei problemi.
e’ debole, fragile, a rischio, tanto che la Parola di Dio avverte: “Guai a chi e’ solo e cade
senz’avere un altro che lo rialzi!”… “Se uno tenta di sopraffare chi e’ solo, due gli terranno
testa” (Libro dell’Ecclesiaste 4:10;12).

Qual e’ la compagnia prospettata? Gesu’ che cammina con noi e’ la differenza! Colui che
quando cadiamo ci puo’ rialzare e rimettere in cammino per la giusta Via.
Gesu’ vuole spendere Se Stesso insieme a ognuno di noi in una stretta relazione.
Non blandamente, ma con tutta la Sua forza a nostra disposizione.
Come fare?
Vai a Gesu’! Rispondi al Suo invito: “Venite a me, voi tutti che siete affaticati e
oppressi, e io vi daro’ riposo. Prendete su di voi il mio giogo e imparate da me, perche’ io
sono mansueto e umile di cuore; e voi troverete riposo alle anime vostre; poiche’ il mio
giogo e’ dolce e il mio carico e’ leggero”. (Vangelo di Matteo 11:28-30).

Appoggiati a Lui, lasciati “trainare” dalla Sua forza… Non sarai piu’ solo e conoscerai la
pace!
Qualcuno ti sussurrera’ senz’altro nella mente un altro pensiero: “Chi ha bisogno di Gesu’ e’
un debole!”
Naturalmente ognuno e’ libero di scegliere da chi farsi riempire la mente.
Noi crediamo pero’ che andare a Gesu’ non sia affatto debolezza, ma una grande
dimostrazione di coraggio.
Lo abbiamo sperimentato piu’ volte.
Crediamo all’immutabilita’ della Sua Parola, nella quale Gesu’ ci dice: “Senza di me non
potete far nulla.” (Vangelo di Giovanni 15:5), sottintendendo anche che con Lui

possiamo fare tutto!
E Gesu’ non e’ un uomo di facili promesse, anzi e’ Uno che le promesse le mantiene!
Come quando dice a chiunque Lo voglia seguire da vero cristiano: “Ed ecco, io sono
con voi tutti i giorni, sino alla fine dell’eta’ presente” (Vangelo di Matteo 28:20).
Riscopriamo Cristo, e vedremo un’alba nuova!
Non si tratta di ricordare solo le radici cristiane dell’Italia e dell’Europa, ma riscoprire
Cristo!
Ovvero di diventare Cristiani e vivere da Cristiani, non per le scelte religiose dei nostri avi,
ma per nostra specifica e libera scelta.
Nel nostro Paese sono in milioni a dire di credere in Gesu’.
A ciascuno la Parola di Dio ricorda, pero’, che credere non e’ sufficiente.
Con grande franchezza l’apostolo Giacomo (fratello naturale di Gesu’) scrive nella sua
lettera: “Tu credi che c’e’ un solo Dio, e fai bene; anche i demo’ni lo credono e
tremano” (2:19).

Che cosa occorre fare, quindi?
Credere in Cristo e convertirsi a Cristo!
Che le nostre citta’ diventino come quella di Antiochia della quale si narra nel Libro degli
Atti degli Apostoli.
In essa vi era una Chiesa Cristiana florida, della quale e’ scritto: “La mano del Signore era
con loro; e grande fu il numero di coloro che credettero e si convertirono al Signore.”
(11:21).
Questa e’ la soluzione di Dio!
Se vogliamo che la mano del Signore sia con noi, ovvero che Gesu’ sia dalla nostra parte,
dobbiamo credere e poi dimostrarlo concretamente, non continuando a camminare per la
solita via, ma facendo dietro front, cambiando rotta e decisamente abbracciando non una
nuova religione, ma la fede in Cristo, che cambia la vita e induce a non peccare piu’ contro
il cielo e contro gli uomini!
Se facciamo sul serio con Lui, vedremo un’alba nuova, quella che l’apostolo Pietro nella
Bibbia chiama “tempi di ristoro”: “Ravvedetevi dunque e convertitevi, perche’ i vostri
peccati siano cancellati e affinche’ vengano dalla presenza del Signore dei tempi di
ristoro…” (Libro degli Atti degli Apostoli 3:19,20).

Se ci aspettiamo tempi migliori unicamente dagli uomini, saremo nelle mani degli uomini.
Mettiamo invece la nostra fede in Cristo e saremo nelle Sue mani!
Non perdiamo la speranza, con Gesu’ usciremo dal tunnel… Con Gesu’ ce la faremo! by Elio Varricchione. Chiese Cristiane Evangeliche – Assemblee di Dio in Italia
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...