LE IMMAGINI VANNO ADORATE?

LE IMMAGINI VANNO ADORATE?

Satana ha introdotto numerose vie di salvezza “alternative” (forme di spiritualità e di devozione di ogni genere, culti di angeli, santi e madonne, pellegrinaggi, riti, ecc.) che persino molti credenti seguono convinti di arrivare a Dio attraverso di esse. “Gesù disse: Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me” (Giovanni 14:6).

Ciò che maggiormente distingue i cristiani evangelici è l’insistenza con cui si afferma che ognuno deve conoscere Dio in modo personale, e poi che deve avere un contatto continuo con Lui, personalmente, non attraverso immagini. Uno dei temi maggiori della Bibbia è il rifiuto da parte di Dio di far costruire delle immagini da adorare. Nel secondo comandamento Iddio ordina: “Non ti fare scultura alcuna né immagine… non ti prostrare dinanzi a tali cose e non servire loro” (Esodo 20:4-6).

Alcuni affermano che se si dovesse osservare letteralmente il secondo comandamento, non si potrebbe avere neppure le foto delle persone care. La Bibbia ci spiega al contrario, che le immagini proibite sono quelle cui offriamo un culto di venerazione: “Non vi farete idoli, non vi eleverete immagini scolpite né statue, e non collocherete nel vostro paese alcuna pietra ornata di figure per prostrarvi davanti ad essa; poiché io sono l’Eterno l’Iddio vostro (Levitico 26:1).

Altri dicono che questo comandamento ha valore solo per le immagini pagane, ma noi vediamo invece che:

a) Mosé spiegò agli Ebrei, il popolo di Dio di quel tempo, e non ai pagani, che Dio non si era mostrato quando parlava loro, appunto perché non facessero di lui alcuna immagine: “Vegliate diligentemente sulle anime vostre, affinché non vi corrompiate e vi facciate qualche immagine scolpita” (Deuteronomio 4:15-16; leggete anche i versetti 17-19).

b) Iddio lodò il re degli Ebrei per aver distrutto un serpente di rame innalzato precedentemente per suo chiaro ordine, ma non per venerarlo. Molti anni dopo averglielo fatto costruire, Dio ritenne opportuno distruggerlo perché si era cominciato a venerarlo. Altri ancora sostengono che le immagini erano proibite soltanto durante il periodo dell’Antico Testamento, e che siano accettabili ora che viviamo nel tempo del Nuovo Testamento.

A questi ultimi rispondiamo che anche il Nuovo Testamento parla molto delle immagini, e sempre contro di esse, proprio come nell’Antico Testamento. In uno degli ultimi brani del Nuovo Testamento leggiamo: “Figlioletti, guardatevi dagli idoli” (1 Giovanni 5:21). “Perciò cari miei fuggite l’idolatria” (1 Corinzi 10:14). Vedi anche 1 Corinzi 6:9; 10:7-14; Atti 7:39-42; 17:16-29; Romani 1:23; 1 Pietro 4:3; Apocalisse 2:14; 9:20; 21:8; 22:15.

La chiesa dei primi secoli non usava immagini. Queste entrarono nelle chiese per uso ornamentale alla fine del terzo secolo. Nel quinto secolo furono usate per istruire, e in seguito considerate come sacre. Vennero accettate dal Consiglio di Nicea nel 787 e da quello di Trento nel 1562 d.C. Il fatto che la Bibbia contenga non pochi, ma moltissimi passi cheproibiscono le immagini, rende chiaro che questo è un soggetto di grande importanza per Dio.

Chi vuole approfondire leggendo tutti i seguenti versetti si renderà conto da sé stesso quanto sia peccaminoso usare immagini: Salmo 115:4-9; Isaia 44:8-20: Geremia 10:3-16; Esodo 23:24; 32; 34:13; Levitico 19:4; 26:30; Numeri 33:52; Deuteronomio 5:8-9; 9:12-17; 16:21-22; 27:15; 2 Re 17:9-16; 2 Cronache 33:19,22; 34:3-4; Salmi 78:58; 97:7; 106:19-20; 135:15-18; Isaia 8:19; 10:10-11; 30:22; 31:6-7; 42:8-17; 45:20; 46:6-7; Ezechiele 16:17; 30:13; Daniele 3:1-18; Osea 11:2; 13:2-4: Michea 1:7; 5:12-13; Habacuc 2:18-20.

Dio ci ama e vuole avere la nostra amicizia,la nostra comunione, la lode, l’onore, la venerazione e l’adorazione. Egli dice di essere geloso dei nostri affetti. Come si sentirà quando li rivolgiamo invece ad un pezzo di pietra o legno, immagine di un qualsiasi santo?

In verità è Dio che ci ama e ci conosce, ed egli vuole che ci accostiamo direttamente a lui. La Bibbia afferma: “Perché non abbiamo un sommo sacerdote che non possa simpatizzare con noi nelle nostre infermità; ma ne abbiamo uno (Cristo) che in ogni cosa è stato tentato come noi, però senza peccare. Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della grazia, affinché otteniamo misericordia e troviamo grazia per esser soccorsi al momento opportuno” (Ebrei 4:15-16; vedi anche Efesini 3:12).
Il Signore ci Benedica! by adipiossasco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...